LAGO DI GARDA

ENOGASTRONOMIA



Una terra ricca di prodotti ed eccellenze gastronomiche, alle quali ben si accompagnano i frutti delle viti, sia prodotti da uve bianche sia rosse o passite. Senza dimenticare l’acqua, che in questa terra ricca di montagna è presente ovunque. E, ovviamente, la grappa, altro prodotto nobile trentino che quasi tutte le cantine hanno nella loro produzione.

 

Ricette? Tantissime, dai canederli di formaggio e spinaci a quelli con ripieno di speck conditi al burro fuso, dagli gnocchi alle erbe alla punta di vitello con miele e crauti fino alla tipica "carne salada" del Garda trentino, gustabile sia cruda con uno spruzzo di limone e scaglie di formaggio (stile carpaccio) o cotta con fagioli. Senza dimenticare i piatti tipici della cacciagione, come il cervo con polenta accompagnato da funghi porcini.
Una varietà di pietanze infinita alle quali si accompagnano i robusti rossi della Vallagarina o della Valle dell’Adige come Merlot o Marzemino, vini rossi che prima del pasto principale possono essere preceduti da prosecco oppure dai rosati leggeri in abbinamento agli antipasti classici.

 

Dalle mele della val di Non con cui fare lo strudel, il dolce tipico trentino, ai piccoli frutti come fragole, lamponi, mirtilli e ribes con cui "condire" ad esempio il gelato, fino ai presidi slow food delle tipicità come la "ciuìga", salame povero oggi ricercatissimo o alle molteplici varietà dei formaggi di malga di cui il Trentino è ricco.

 

Aziende Agrarie o Cantine come la Ferrari dei fratelli Lunelli di Trento aprono le porte a incontri conviviali, mescolando sapientemente magari motori e prodotti come il vino e l’olio d’oliva che in questa terra, estremo lembo di Mediterraneo a nord, trova una ricca e profumata produzione. I Pedrotti a Nomi, dove nascono e maturano in una grotta gli omonimi spumanti, l’Abate Nero della sponda trentina, la Cavit, una delle maggiori cantine vitivinicole italiane che in Maso Toresella al lago di Toblino ha la sua sede di rappresentanza, la cantina di Mori Colle Zugna, l’Agraria di Riva del Garda (cantina e frantoio), la grande cantina di Mezzacorona fino a Maso Warth, dove l’ex campione di ciclismo Francesco Moser oggi si dedica alla sua passione di viticoltore.

 

Ciò che più rappresenta, probabilmente, la produzione vitivinicola trentina è ben rappresentata dall’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, dove oltre cento ettari di terreno sono coltivati a vite e melo. Qui la cantina e la distilleria svolgono un valido ruolo di supporto alle attività sperimentali, didattiche e dimostrative svolte dagli altri centri che in questo Istituto trovano sede ideale. Le visite, possibili in ogni azienda, vanno preventivamente concordate.



PARTNER